Diario di bordo – cammino di Santiago – 6

Alla sveglia abbiamo salutato Daniele, ragazzo di Vicenza, che ci ha lasciato un messaggio da leggere tutti insieme e anche i coreani che hanno dormito anche questa notte con noi.

 

Durante la salita che abbiamo dovuto affrontare appena partiti abbiamo fantasticato sulla sceneggiatura su una nuova serie televisiva: “Il Monaco di Samos”. La storia di un monaco incaricato dal Papa di intraprendere il cammino di Santiago per consegnare una bolla papale. Per passare il tempo abbiamo già anche programmato due spin off dedicati a due dei personaggi secondari: un pirata portoricano in fuga dalla corona britannica e un inquisitore.

 

Il cammino è proseguito abbastanza tranquillamente tanto da permetterci di fare qualche timbro lungo il cammino e fermarci per una lunga pausa pranzo vicino a un cimitero.

 

Nel primo pomeriggio siamo ripartiti per raggiungere il nostro ostello a Palas de Rei dove abbiamo condiviso gli spazi con una trentina di ragazzi spagnoli.

 

Dopo la nostra routine post camminata che prevede doccia e bucato le nostre cuoche di oggi, Camilla ed Elisa, hanno cucinato per noi un risotto squisito che, anche se tanto, è sparito.

Alla messa della parrocchia di Palas de Rei il parroco, missionario comboniano, ci ha tenuto a dare più volte il benvenuto a tutti, e a fine messa ha dedicato un po’ di minuti a salutare tutti i pellegrini, paese per paese, o per ogni sinhola regione della Spagna: un momento molto divertente, oltre ai canti con le basi musicali registrate.

 

Finita la cena, durante la nostra riflessione quotidiana, i ragazzi spagnoli che ci sembravano abbastanza tranquilli ci hanno disturbato e fatto congelare tenendo la porta dell’ostello aperta.

 

Ci riprendiamo con una tisana calda e le ultime risate sugli aneddoti della giornata.

 

P.S.: la frase del giorno è: “Lasciati sorprendere dall’ordinario.”

Condividi con...
Email this to someone
email
Print this page
Print