Diario di bordo – cammino di Santiago – 2

La serata del giorno precedente si è conclusa con una cena comunitaria offertaci dall’ostello. Paella, vino e tante nuove conoscenze ci hanno accompagnati a una notte un po’ burrascosa.

Ci siamo svegliati alle 6 con una brutta notizia: la nostra stanza era invasa dalle cimici dei letti, quindi una lunga pulizia ha tardato la nostra partenza.

Una camminata tutta in salita verso il monte O’ Cebreiro ci aspettava: inizialmente il cammino seguiva il corso dell’autostrada, per poi diventare sterrato quando iniziava la salita. In un bel borgo a metà strada ci siamo fermati a mangiare il pranzo di panini circondati da gatti affamati. Abbiamo ripreso la strada e dopo qualche chilometro siamo arrivati in Galizia, alla nostra meta. Appena arrivati ci siamo messi all’opera per disinfestare i nostri vestiti e sacchi a pelo nelle lavatrici dell’ostello. Appena finito abbiamo partecipato alla messa in spagnolo, concelebrata da Don Francesco. A fine celebrazione tutti i pellegrini presenti sono stati chiamati sull’altare ed è stata recitata una preghiera in varie lingue. A ciascuno è stato regalato un sassolino con disegnato una freccia gialla, simbolo del cammino.

Abbiamo cenato con vista tramonto, raccontandoci come è andata la giornata. Abbiamo assaggiato la fatica, uno degli ingredienti del cammino, ma insieme siamo arrivati alla meta!

Ultreya! (tipico saluto del cammino)

Condividi con...
Email this to someone
email
Print this page
Print