Sabato Santo

Contempliamo l’Amore – Sabato Santo –

di suor Mariangela, fsp

 

«Che cosa è avvenuto? Oggi sulla terra c’è grande silenzio, grande silenzio e solitudine».

Immersi nel grande silenzio della morte del Signore, oggi null’altro ci è chiesto se non attendere.

Attendere fiduciosi nella forza dirompente dell’amore.

La morte ha vinto, il Dio crocifisso è morto.

Le tenebre della violenza e dell’ingiustizia hanno prevaricato.

Il sepolcro è stato chiuso.

Una pietra separa il Messia dal mondo.

Il Salvatore è bloccato nel silenzio della morte.

O almeno questo è ciò che crede chi non crede.

Colui che nel Nazareno ha riconosciuto il volto di Dio sa che oggi è solo il giorno dell’attesa.

L’amore vibra nel grembo fecondo della creazione.

La vita, quella eterna, è pronta a esplodere, abbracciando di sé il cosmo e ogni essere vivente.

Tutto ciò che giace sarà sollevato: nuova sarà la creazione.

Il Salvatore oggi sta attraversando le tenebre della morte e sta spezzando catene di dolore, disperazione, peccato, morte.

Tutto lui salverà.

Noi dobbiamo solo attendere nella notte, certi che lui, luce del mondo, ci sta riconquistando alla vita.

Affidiamoci a Colei che è Attesa: Maria, madre a cui Gesù ci ha affidato. Madre che custodisce nel suo cuore tutti i popoli e le nazioni.

 

UNA PREGHIERA COME SOSTEGNO

A te, Madre, ci affidiamo

Maria,

Madre a cui il Signore crocifisso ci ha affidato,

donna del silenzio, che attendi con noi

il compiersi della salvezza,

a te affidiamo le nostre famiglie,

tutti i popoli e ogni nazione.

A te consacriamo la nostra vita.

Al tuo cuore consegniamo il futuro del mondo.

Madre di Dio e madre nostra,

custodiscici nel tuo cuore, portaci a Dio,

intercedi per noi ogni grazia,

difendici da ogni male,

allontanaci dal peccato.

Maria, Madre dell’Amore

e madre dell’umanità, attendi con noi,

fedeli nell’amore, aperti alla risurrezione.

Amen.

Condividi con...
Email this to someone
email
Print this page
Print