Venticinque ragazzi sperimentano la responsabilità

Settimana comunitaria

Anche quest’anno, come ormai da cinque anni a questa parte, noi ragazzi del gruppo giovani abbiamo organizzato la settimana comunitaria presso il seminario di Trento, dal 9 al 15 febbraio. Questa volta però con noi ha partecipato anche il gruppo giovani di Cristo Re e Madonna della Pace. In totale eravamo 25 tra ragazzi e accompagnatori, dalla terza superiore in poi.
Prima di iniziare quest’esperienza, ci siamo trovati tutti insieme per organizzarla al meglio. Abbiamo scelto un tema, ovvero la responsabilità, e abbiamo proposto le varie attività che volevamo svolgere. Abbiamo fatto una grande spesa e siamo partiti.
Con noi c’erano anche Don Francesco e Matteo il seminarista che ci hanno guidato per tutta la settimana.
La domenica, dopo esserci sistemati, abbiamo partecipato alla messa in Santa Maria insieme a tanti giovani di Trento.
Ogni mattina appena svegli, ci ritrovavamo tutti insieme per leggere un piccolo brano del Vangelo e per augurarci una buona giornata. Quando i ragazzi più piccoli andavano a scuola, i restanti studiavano, cucinavano o preparavano le attività della sera. Il pomeriggio dopo pranzo si facevano i compiti e anche qualche gioco. Tutte le sere si svolgevano varie attività: abbiamo assistito ad una testimonianza dal Centro Aiuto alla Vita, dibattuto su argomenti come l’ambiente, l’immigrazione e internet, preso parte ad una delle serate di Passi di Vangelo insieme al Vescovo Lauro, partecipato ai vespri con i seminaristi e visto il film “Alla luce del sole” con protagonista don Pino Puglisi e la mafia siciliana. Ci siamo confronti su argomenti importanti e attuali, dando la possibilità a tutti di esprimere le proprie opinioni.

Il film “Alla luce del sole”

Grazie a questa esperienza abbiamo legato molto sia all’interno del nostro gruppo ma anche con quello di Cristo Re e Madonna della Pace. La settimana comunitaria è una bellissima occasione per passare le giornate con gli amici, buone o cattive che siano; un modo per poter condividere con loro come vivi e imparare i loro modi di passare la giornata. Quest’occasione ha fatto crescere in noi un ancora più forte spirito comunitario e collaborativo e non vediamo l’ora sia l’anno prossimo per poter rivivere quest’esperienza.

Camilla Lucin – gruppo giovani Solteri

Condividi con...
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Print this page
Print