Adio, vecio capitel de sant’Ana

Ricordi de ‘na volta ala Vela

Nell’estate del 1968 sul giornalino di Vela “La Crosara” è apparsa una lunga poesia di Camillo Conotter, che salutava il capitello di Sant’Anna, in procinto di essere abbattuto per far posto all’autostrada del Brennero; il capitello si trovava più o meno all’incrocio di via Santi Cosma e Damiano con via San Giorgio, che un tempo era la strada che portava verso Cadine e la valle dei Laghi.


Oltre sant’Anna, venivano sacrificate parte delle fertili e comode campagne e alcune case di Vela; e così i contadini nel tagliare le piante:

“…’l par che i scherza, ma dent ghe pianze el cor:
rabiosi o rasegnadi, bisogn che i tasa
come anca quei che i resta senza casa”.

La poesia accomunava due momenti critici nella storia della Vela (ma ugualmente è stato anche per Campotrentino e Roncafort e Piedicastello-S.Nicolo’): il colera del 1836 e l’esproprio di case e terreni per la costruzione dell’autostrada negli anni ’60; nella preghiera, per l’intercessione di sant’Anna, si chiedeva aiuto e consolazione. Ecco allora alcune parti della poesia… (e speriamo che sant’Anna nel frattempo non sia dimenticata di noi !!!):

L’era ’l miliotozentotrentasei:
sula strada de Caden, Vela e Zambana
en front l’un a l’altro ven sù do capitei
un dedicà a san Roc e l’altro a sant’Ana;
voto riconoscente de ’na fede vera:
moriva zo la zent copada dal colera,
…l’è sta n’anada pitost trista e nera.
Quante orazion che ti t’hai sentì dir
vegnude for spontanee da tanti cori…
Per quei che era dreo a naser o a morir:
chi per riconoscenza o… ciapà per ’l copin,
coreva lì a sant’Ana a ’npizar su ’n lumin.
::::
“Ma prima che i te desfa, caro capitel,
davanti a ti, mesi ’n dinocio,
preghen la to Santa su’ntel ziel
a lasar far, stropando n’ocio,
a protezerne de pu’ de prima
quando, por capitel, te sarai ’n rovina!
A consolar ’sti nosi contadini
che ’sta autostrada tra le magagne
la sbalza qua col pont dai Cantrentini
a deziparghe su’ tute le campagne”
::::
Se spera che dopo ’sta burasca strova,
col seren, tut el se rinova.
Alor su sora al pont de l’autostrada
sluserà ’n lumin de not al strof?
Sarà ancor la Santa ’nluminada
dentro ’l so capitel tut nof ?

Condividi con...
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Print this page
Print