Liturgia della Parola 8 giugno

Inizia con il segno di croce seguito da un momento di silenzio ed invoca lo Spirito Santo che ti aiuti a vivere bene questo tempo.

Liturgia della Parola

 

PRIMA LETTURA

1Re 17,1-6

Dal primo libro dei Re

In quei giorni, Elìa, il Tisbita, uno di quelli che si erano stabiliti in Gàlaad, disse ad Acab: «Per la vita del Signore, Dio d’Israele, alla cui presenza io sto, in questi anni non ci sarà né rugiada né pioggia, se non quando lo comanderò io».

A lui fu rivolta questa parola del Signore: «Vattene di qui, dirigiti verso oriente; nasconditi presso il torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. Berrai dal torrente e i corvi per mio comando ti porteranno da mangiare».

Egli partì e fece secondo la parola del Signore; andò a stabilirsi accanto al torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. I corvi gli portavano pane e carne al mattino, e pane e carne alla sera; egli beveva dal torrente.

Parola di Dio

Salmo responsoriale

Sal 120

Rit. Il mio aiuto viene dal Signore: egli ha fatto cielo e terra.

Alzo gli occhi verso i monti:
da dove mi verrà l’aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore:
egli ha fatto cielo e terra. Rit

Non lascerà vacillare il tuo piede, non si addormenterà il tuo custode. Non si addormenterà, non prenderà sonno il custode d’Israele. Rit.

Il Signore è il tuo custode,
il Signore è la tua ombra
e sta alla tua destra. Di giorno non ti colpirà il sole, né la luna di notte. Rit.

Il Signore ti custodirà da ogni male: egli custodirà la tua vita.
Il Signore ti custodirà quando esci e quando entri, da ora e per sempre. Rit.

Vangelo

Mt 5,1-12

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

«Beati i poveri in spirito,

perché di essi è il regno dei cieli.

Beati quelli che sono nel pianto,

perché saranno consolati.

Beati i miti,

perché avranno in eredità la terra.

Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,

perché saranno saziati.

Beati i misericordiosi,

perché troveranno misericordia.

Beati i puri di cuore,

perché vedranno Dio.

Beati gli operatori di pace,

perché saranno chiamati figli di Dio.

Beati i perseguitati per la giustizia,

perché di essi è il regno dei cieli.

Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi».

Parola del Signore

SPUNTI PER LA RIFLESSIONE

Di don Mauro

Sono sempre belle le Beatitudini, ma nello stesso tempo incutono spesso un certo timore, infatti chi è capace di una cosa simile?

Si dice che le Beatitudini sono la via maestra per seguire Gesù, il suo discorso programmatico. Ma come si possono chiamare Beate quelle situazioni lì descritte?

Sembra impossibile o perlomeno molto difficile, però ieri abbiamo celebrato al Festa della Trinità, dove abbiamo visto che siamo chiamati non a vivere un io, a un NOI.

Bene forse la chiave di lettura delle Beatitudine è leggerle con gli occhi del noi, cioè come qualcosa che ci richiama tutti nessuno escluso; forse con gli occhi del noi le Beatitudini diventano diverse. Tutti noi siamo poveri in spirito, tutti noi siamo nel pianto, tutti noi siamo miti, tutti noi abbiamo fame e sete di giustizia, tutti noi siamo misericordiosi, tutti noi siamo puri di cuore, tutti noi siamo operatori di pace, tutti siamo perseguitati a causa della giustizia. Qualcuno, giustamente, può torcere il naso e dirmi: sì ma quando mai? Ecco quando: perché nostro è il Regno dei Cieli, perché tutti noi abbiamo bisogno di essere consolati; perché tutti noi erediteremo la terra; perché tutti noi saremo saziati; perché tutti noi troveremo misericordia; perché tutti noi vedremo Dio; perché tutti noi saremo chiamati figli di Dio; perché di tutti noi è il Regno dei Cieli. Fratelli quando tutto questo? Ora nella nostra vita quotidiana, basti pensare a tutti quelli che in questo tempo di pandemia hanno davvero vissuto e messo in pratica le BEATITUDINI, davvero fratelli è possibile vivere da beati nella nostra vita ora, concretamente; sta solo a noi scegliere!

PADRE NOSTRO…

PREGHIAMO

Signore, la forza risanatrice del tuo Spirito, operante in tutti noi, ci guarisca dal male che ci separa da te e ci guidi sulla via del bene. Per Cristo nostro Signore.