SALE PER LE NOSTRE GIORNATE II domenica di pasqua

II Domenica di Pasqua 19 aprile 2020

In questa II domenica di Pasqua festeggiamo la domenica della Misericordia. Leggiamo il Vangelo Giovanni 20,19-31. Nella storia della Chiesa, la Seconda Domenica di Pasqua è stata chiamata «in albis». Tale denominazione deriva dalla tradizione di far indossare ai neofiti la veste bianca durante le riunioni di preghiera o di catechesi della prima settimana dopo il battesimo, avvenuto nella notte di Pasqua; l’ottavo giorno la veste bianca veniva deposta. Cominciavano a crescere, nutriti dalla Parola, coloro che erano nati alla fede nel Battesimo. Con il Vangelo di questa domenica è bello costatare, nel dialogo tra Gesù, il Crocifisso Risorto, e Tommaso, la dolcezza, la misericordia e la tenerezza. Papa Francesco dice che Tommaso ha potuto «toccare» il mistero pasquale che manifesta pienamente l’amore salvifico di Dio, ricco di misericordia. Anche noi, in questa seconda Domenica di Pasqua, siamo invitati “a contemplare nelle piaghe del Risorto la Divina Misericordia, che supera ogni umano limite e risplende sull’oscurità del male e del Peccato”.

Proposte per la preghiera

1) Recita dell’Regina Caeli

In questo periodo Pasquale, tutti i giorni, invece che l’Angelus come siamo abituati normalmente si prega il Regina Caeli. Possiamo pregarlo quindi con il suono della campana al mattino, a mezzogiorno e alla sera.

2 ) Meditazione sulla Parola

Prova a riflettere sul Vangelo di Gv 20,19-31 rileggilo con calma anche più volte, sottolinea le parole che ti affascinano, che senti tue oppure che ti inquietano e poi medita con le domande.

– Qual è la frase o il gesto che più ti colpisce in questo Vangelo?

– Gesù ci da tre insegnamenti; la pace, la gioia e la missione apostolica. Come posso fare uso di questi doni? Posso a mia volta diventare donatore?

– Cosa significa in questo tempo, per me, toccare le piaghe di Gesù?

3) Proposta Film

Alice in Wonderland è un film del 2010 diretto da Tim Burton. Il film narra di eventi seguenti alle avventure vissute dalla ragazzina narrate nel romanzo Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll. Difatti la ritroviamo cresciuta, all’età di diciannove anni. Vi chiederete cosa c’entra questo film con la domenica? L’incredulità di Tommaso per certi aspetti la possiamo ritrovare anche in questo film, anche i parenti di Alice non credono alle sue storie. Solo Alice conosce la grande esperienza che fa nel paese delle meraviglie, perché si sforza di credere e vive la sua avventura con coraggio e forza d’animo.

Condividi con...
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Print this page
Print